FINALMENTE L’ESTATE AD AKUADUULZA

Post prevalentemente fotografico per non fare la stessa solfa della TV locale che celebra ogni cambio di stagione con “pipponi melensi” conditi di volta in volta di fiori e farfalle, frutti maturi e bellezze al bagno, foglie che cadono e castagne nei ricci e fiocchi di neve a seconda del caso!

L’estate ci ha messo un po’ quest’anno ad ingranare la marca ma ora il caldo sembra arrivato (con esso, qua e la acquazzoni e grandinate) ecco la situazione.

PESCI: hanno un appetito esagerato, si gettano sul cibo ogni giorno come se non mangiassero da mesi, ho aumentato un pochino le razioni e somministro i pellet due volte al giorno.

Black bass a pelo d'acqua

Black bass a pelo d’acqua

SEMENZAIO: una delle cose che mi da più soddisfazione con l’acquaponica è di poter realizzare un semenzaio estivo senza avere l’angoscia di dover bagnare anche due volte al giorno. Inoltre, pur essendo prive di pane di terra, le nuove piantine si sfilano dall’argilla espansa senza alcun danno per le radici e possono essere piantate in terra immediatamente.

Porri, cipolle e crucifere in semenzaio coperto

Porri, cipolle e crucifere in semenzaio coperto

Ho allestito inoltre un secondo semenzaio in mezz’ombra per le insalate invernali “deviando” una parte del ritorno dell’acqua ai pesci e facendolo transitare per alcune cassette dotate di sifone a campana.

Semenzaio insalate appena allestito

Semenzaio insalate appena allestito

FRAGOLE: con l’acquaponica si commettono anche errori, io avevo sottovalutato la clorosi delle fragole causata all’assoluta assenza di ferro nell’acqua piovana che recupero dal tetto per allevare i pesci. Ho preso le contromisure trapiantando d’urgenza una parte delle fragole in terra e addizionando l’acqua con chelato di ferro. Ora sto riproducendo le piantine per la prossima stagione.

Riproduzione fragole per stolone (se pnso a quanto costano nei garden center)

Riproduzione fragole per stolone (se pnso a quanto costano nei garden center)

QUALCHE ALTRA VERDURA O FRUTTA: ecco le insalate estive trapiantate dopo aver riportato nella norma il livello del ferro nel circuito, in ottima forma! Sullo sfondo 3 meloni che lascerò “correre” fuori dal grow bed sulla sommità di un muro assolato.

Insalate stanziali e meloni "corridori"

Insalate stanziali e meloni “corridori”

In questa immagine i pomodorini, sono di tre varietà: i tradizionali di colore rosso, gialli e neri (tipo crimea) si noti il differente vigore tra la parte alta e la parte bassa della pianta, dovuta solo in parte al prelievo delle drupe a scopo alimentare,  da attribuire perlopiù allo scompenso nutrizionale causato dalla mancanza di ferro per alcune settimane.

Pomodori che si inerpicano verso la volta celeste

Pomodori che si inerpicano verso la volta celeste…

Un piccolo spazio anche per le ORNAMENTALI: riparate dall’ombra dell’alloro crescono rigogliose delle piante di calla, quasi pronte per essere trapiantate in vaso ed una “vecchia pensionata”, l’orchidea di Yuri (il mio idraulico, sempre prodigo di consigli e disponibile a darmi una mano) che è qui, come molti pensionati, per “passare le acque”, evidentemente “dulze” e non termali!

Calle e orchdea. S'intravvedono anche qualche giovane porro e delle talee di gardenie non riuscite

Calle e orchdea. S’intravvedono anche qualche giovane porro e delle talee di gardenie non riuscite

Per ultima, ma non meno importante ho lasciato la padrona di casa, anche lei mi sembra soddisfatta!

Lucia

Lucia

Annunci

AKUADUULZA IN FERMENTO

Sabato scorso grande attività ad “Akuaduulza”! In mattinata sono arrivarti Andrea e Ivan che intendono fare dell’acquaponica un’impresa.

Andrea, in particolare, come me gioca a basket (sarà un caso?) è una sorta di Will Allen in salsa bergamasca. Discende da una famiglia di imprenditori ma ha sempre mostrato interessi al di fuori del campo di attività dell’impresa di famiglia, a cominciare dalla laurea in psicologia. Dotato di un entusiasmo contagioso ha coinvolto l’amico Ivan, che invece ha competenze di carattere idraulico, in un progetto che vedrà la coltivazione di frutti rossi in acquaponica.

Per il momento stanno girando molto, sulla rete, tra le imprese e gli esperti del settore per raccogliere più informazioni possibili che possano essere di utilità al loro modello di business. Hanno anche frequentato un corso specifico nelle Marche e sono quindi venuti a fare visita al mio impianto (pare che io sia una sorta di “pioniere” nel campo in Italia).

Abbiamo passato una bellissima giornata insieme e deciso che presto andremo a Basilea a visitare la società Urban Farmers che ha sviluppato un modello per la diffusione dell’agricoltura urbana.

Spiace che all’incontro non abbia potuto essere presente Simone, il nostro ittiologo di riferimento, impegnato in una semina di trote in quota con l’elicottero, ho dunque potuto essere esaustivo solo nelle risposte alle domande che hanno riguardato l’impianto e le verdure.

Peraltro Simone si è subito dimostrato disponibile a venire con noi in Svizzera, è infatti amico di Andreas, uno dei forndatori di Urban Farmers AG e responsabile dell’area “Ricerca e Sviluppo”.