Esperienze di recupero di terreni incolti ad uso civico

livinglotsnyc

Sul blog Ciboprossimo leggo che la Regione Lombardia ha un banca dati delle terre incolte di proprietà pubblica che potrebbero essere assegnate a giovani agricoltori e mi dico “FICO!”, è un’ iniziativa molto interessante per chi volesse intraprendere esperienze di orti civici o di agricoltura urbana.

M’incuriosisco e vado avanti a leggere, mi accorgo che l’idea è bella, ma lo strumento è un po’ farragginoso e disincentivante per chi, poco pratico di informatica e di reti, ci si dovrebbe addentrare. Ho provato a verificare di persona ma quando l’ho fatto il servizio mi ha risposto: oooopsprovateci anche avoi a questo link, magari era un problema momentaneo.

Vado avanti a leggere il post nel quale vengono esposte esperienze analoge negli USA. In particolare nella città di New York dove un gruppo di vicini di casa della zona di Flatbush a Brooklyn si sono uniti per convertire un lotto di terra inutilizzato in un produttivo e accogliente giardino comunitario, nasce così la sroria di 596acres.org. Da questo input, una mappa e un foglio di excel parte un movimento di cittadini che censisce tutti terreni liberi di proprietà pubblica a Brooklyn. 596 Acres realizza strumenti per aiutare gli abitanti dei quartieri a vedere i lotti di terreni liberi come opportunità e a creare gli spazi verdi di cui hanno bisogno e che diventano punti focali per l’organizzazione della comunità e l’impegno civico. Con il tempo hanno trasformato la loro mappa in un sofisticato tool interattivo Living Lots NYC che fornisce informazioni sui lotti di terra disponibili a NYC, supportato da cartelli e altro materiale stampato come quello mostrato nella foto:

this-land-is-your-land-2-resized-1024x680

596acres.org (596 acri corrispondono a 241 ettari) si sviluppa e cresce e ora offre numerosi altri servizi alla comunità ma per questi vi rimando all’articolo di ciboprossimo in questa sede mi preme riportare questa esperienza al tema dell’acquaponica.

La prima considerazione è che, per chi vuole fare un esperimento di coltivazione urbana o periurbana, in particolare con il sistema acquaponico che presenta alto valore aggiunto in spazi ristretti, le possibilità ci sono, Regione Lombardia, ma ancor di più le esperienze oltre oceano ci forniscono degli spunti.

La seconda considerazione è per gli amici del territorio sul quale vivo che stanno progettando per il comune una proposta da inserire nel bilancio partecipato della loro amministrazione: siete sulla stada giusta, potete essere la scintilla di un vasto movimento che può fare della partecipazione una cosa reale e molto concreta.

Buon lavoro a tutti

 

 

 

Annunci

2 thoughts on “Esperienze di recupero di terreni incolti ad uso civico

  1. L’idea del terreno incolto di proprietà pubblica è interessante, potrebbe valer la pena fare una verifica cosa c’è lungo il Toce. Pensa ad esempio a quell’idea del gruppo SATIVA per la reintroduzione della conampa come pianta fa fibra e altro.
    Ci penso.
    Ivo Rabbo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...