Ph, piante e pesci: tra Scilla e Cariddi

Si è aperto un interessante dibattito a seguito del mio ultimo post, purtroppo non sui commenti del blog ma nelle mail che ho ricevuto, cercherò dunque di fare un sintesi sulla base della mia (povera) esperienza personale.

La questione è qual’è il Ph ottimale per un impianto di acquaponica? I pesci gradirebbero un Ph leggermente alcalino, diciamo 7,5 mentre le piante, stando ai manuali di coltura idroponica si gioverebbero di un Ph leggermente acido, diciamo tra il 6 e il 6,5.

Personalmente quando ho iniziato la coltivazione (settembre 2011) acquaponica avevo un Ph intorno ad 8,00, assolutamente esagerato per i canoni dell’idroponica, eppure non ho riscontrato alcun problema nelle piante, eccettuato qualche accenno di clorosi, prontamente corretto con del chelato di ferro.

Col passare del tempo, aggiungendo all’impianto eaclusivamente acqua piovana che recupero in un cisterna sotterranea dal tetto di casa, il Ph è sceso fino a 6,5.

A questo punto Simone, ittiologo di professione, ha preso le difese dei pesci consigliandomi di alzare, non tanto il Ph quanto la “durezza totale” (GH) dell’acqua, portendola a valori attorno al 15, l’innalzamento del Ph è la via attraverso la quale innalzare il GH.

Nel mio post ho portato l’esperienza del lago d’Orta proprio per testimoniare la rinascita di un bacino lacustre attraverso il governo del Ph (vedi link), ma certo nel lago non ci coltivano gli ortaggi!

Daniele, agronomo ma che lavora anche con i pesci ha portato questo contributo: … ho letto della tua interessante operazione di liming per assestamento della durezza dell’acqua , essendo il tuo un ambiente controllato deve comunque mantenere situazioni di vivibilità medie per piante e soggetti ittici. Spesso i problemi piu’ imponenti che assillano l’allevamento, (anche se tu hai quote di soggetti paragonabili ad un estensivo per cui non molto rischiose) sono la presenza di nitrati nell’acqua per una solvenza di deiezioni che per qualche motivo non vengono “annullate” dalle piante. di per se’ come sai il nitrato non è particolarmente pericoloso ma, con variazioni di ph tendente all’acido, puo’ trasformarsi in nitrito o nitrosamina e li son dolori. specialmente sui Persici questo squilibrio puo’ provocare ipertrofie, iperplasie branchiali o piccole emorragie, quindi , cosa che fai già, è ottima la tua attenzione su tre fattori per l’acqua, durezza-ph compatibili e presenza di nitrati in soluzione ... la tua situazione è esattamente quella di un laboratorio sperimentale ed è basata su equilibri, in effetti il chelato di ferro è un ottimo ammendante per la clorosi ma in dosi particolari (e qui mi fermo perchè non so quali possano essere) facilmente assorbibile dall’apparato branchiale dei pesci con teorico aumento di emoglobina e possibili (ma dico possibili e non probabili) piccole emorragie branchiali

Giulio invece più preoccupato per le piante mi scrive … Noi cerchiamo di tenere valori di ph tra 6 e 7, meglio intorno a 6.8. Se ti avvicini a 7.5 non rischi che le piante soffrano di “nutrient lockout”? E non riescano ad assorbire i nutrienti? 

Io non riesco più a recuperare il link ma ecco cosa dicono in proposito gli appunti che ho catturato in retePh appunti

Il dibattito è aperto, a tutti i lettori rinnovo l’invito a commentare sul blog, la discussione arricchisce i contenuti e dissemina competenze ed esperienze!

Annunci

2 thoughts on “Ph, piante e pesci: tra Scilla e Cariddi

  1. Salve, mi chiamo Raffaele, ho un piccolo impianto, io sto avendo dei problemi nel stabilizzare il ph, ho provato ad usare i metodi ripartiti sul sito (sassi calcarei e gusci d uova) ma purtroppo mi rimane sempre il ph molto basso, ora ho dovuto cambiare l acqua (30 litri) cn dell acqua del pozzo spero che mi possiate dare qualche consiglio.
    Grazie mille b. Serata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...